Delphine Galou 2018-09-24T11:48:59+00:00
DELPHINE GALOU
DELPHINE GALOUvarious countries

Nata a Parigi, oltre ad avere studiato filosofia alla Sorbona di Parigi, si è dedicata allo studio del pianoforte e del canto. Nel 2004 è stata nominata “Discovery of the Year” dall’Associazione francese per la promozione dei giovani artisti ADAMI. 

Ha iniziato la sua carriera come membro dell’ensemble “Jeunes Voix du Rhin”, ed in seguito si è specializzata nel repertorio barocco collaborando con prestigiosi ensembles quali Balthasar Neumann Ensemble (Thomas Hengelbrock), I Barocchisti (Diego Fasolis), Accademia Bizantina (Ottavio Dantone), Collegium 1704 (Václav Luks), Venice Baroque Orchestra (Andrea Marcon), Il Complesso Barocco (Alan Curtis), Les Siècles (François-Xavier Roth), Les Arts Florissants (Jonathan Cohen), Le Concert des Nations (Jordi Savall), the Ensemble Matheus (Jean-Christophe Spinosi), Les Musiciens du Louvre Grenoble (Marc Minkowski), Le Concert d’Astrée (Emmanuelle 

Haïm), Les Ambassadeurs (Alexis Kossenko) e Les Talens Lyriques (Christophe Rousset). 

Ha avuto modo inoltre di calcare i palcoscenici di prestigiosi teatri, fra i quali ROH Covent Garden di Londra, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Théâtre des Champs-Elysées de Paris, Opernhaus di Zurigo, Staatsoper Berlin, Theater an der Wien, Angers Nantes Opéra, Opéra de Montpellier, Theater St Gallen, Theater Basel, Handel Festival di Karlsruhe, Maggio Musicale Fiorentino Opera di Firenze. 

Attiva anche in campo concertistico, Delphine Galou è regolarmente ospite al Beaune Baroque Festival, dove è stata acclamata interprete di Rinaldo e Alessandro di Haendel, Semiramide di Porpora, Juditha triumphans, Orlando furioso e L’incoronazione di Dario (2013). Ha debuttato negli Stati Uniti presso il Lincoln Center di New York come solista in Aci, Galatea e Polifemo di Haendel con Le Concert d’Astrée di Emmanuelle Haïm. Ha cantato come solista inoltre con Les Talens Lyriques (Juditha triumphans), con l’Orchestra Filarmonica della Scala (Stabat Mater di Pergolesi), con l’Orchestra Sinfonica della Rai di Torino (Messa in Si minore di Bach), con La Cetra di Andrea Marcon (Messiah di Haendel), con la Holland Baroque Society (Matthäuspassion) e con l’Accademia Bizantina in Belshazzar, Alcina e Johannes Passion (Salzburg, Beaune e Bruge). 

Nel corso della stagione 2017/18 ha interpretato Giulio Cesare (Cornelia) con l’Accademia Bizantina in tour alla Philarmonie di Essen, al Théatre des Champs-Elysées de Paris, al Theater and der Wien e alla Kursaal di San Sebastiàn, Messiah di Haendel con l’Europa Galante, L’Incoronazione di Poppea (Ottone) all’Opernhaus di Zurigo, un concerto con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Giustino di Vivaldi al Beaune Festival. 

Fra gli impegni della stagione 2018/19: La verità in cimento (Damira) all’Opernhaus di Zurigo, Serse in tour con il Pomo d’Oro Orchestra, Rinaldo nei Teatri di Cremona, Brescia, Como e Pavia, Marc’Antonio e Cleopatra di Hasse in tour con L’Accademia Bizantina, Betullia Liberata al Festival di Salisburgo. 

In settembre 2018 il suo CD, Agitata, realizzato con l’Accedia Bizantina e la direzione di Ottavio Dantone, ha vinto il Gramophone Awards nella categoria Best Recital Album. 

La sua discografia annovera numerose incisioni, fra le quali ricordiamo Vespro per la festività dell’Assunta di Porpora con la direzione di Martin Gester (Live recording ad Ambronay), Teuzzone di Vivaldi con Jordi Savall (Naïve), Orlando 1714 di Vivaldi con Federico Maria Sardelli (Naïve), L’incoronazione di Dario di Vivaldi con Ottavio Dantone (Naïve), La Concordia dei’ Pianeti di Caldara con Andrea Marcon (Deutsche Grammophon). 

In settembre 2017 ha realizzato il suo primo album solistico, Agitata, con l’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone (Alpha Classics).